LA MERENDA AL MARE PER I NOSTRI BAMBINI

LA MERENDA AL MARE PER I NOSTRI BAMBINI

La merenda per il mare?
Per un bambino in età evolutiva è fondamentale una sana e corretta alimentazione.
I genitori hanno infatti il compito di garantire per loro uno stile di vita sano e non alterato.
Le vacanze rappresentano per la maggior parte dei bambini un momento di grande svago, che conclude il periodo scolastico.
Si aprono perciò le porte alla distrazione e la spensieratezza di questi anni.
Al mare i bambini distratti dai giochi in acqua e con la sabbia, sono poco interessati al cibo, ma devono comunque nutrirsi e dovranno farlo mantenendo le consuete abitudini alimentari quotidiane.
Infatti una sana e ricca colazione, un pranzo, una cena e almeno due merende al giorno, una a metà mattina e una a metà pomeriggio, sono la soluzione corretta.

Ma qual è la merenda migliore da dare ai bambini quando si è al mare?
Molto spesso mi capita di seguire bambini e nel periodo estivo elaboro per loro, piani alimentari tenendo conto delle loro vacanze.
Durante la stagione estiva la maggior parte dei bambini tende a svolgere tanta attività fisica, nuotando, giocando, correndo sulla sabbia e praticando sport di squadra con i compagni.
Tutto questo oltre ad essere un ottimo stimolo per lo sviluppo sociale e relazionale del bambino, porta ad un dispendio energetico molto importante.
Dunque bisogna indirizzare il bambino verso una merenda che sia energetica e possa aiutarli a reintegrare i sali minerali e l’energia persa.

D’estate l’obiettivo della merenda mattutina e pomeridiana è perciò quello di garantire innanzitutto l’idratazione che consenta ai bambini di recuperare l’acqua persa, attraverso il sudore, senza però appesantirli troppo.
Così facendo gli si permette di arrivare con l’appetito a pranzo e a cena.

Quale potrebbe essere la giusta alimentazione dunque?

Per i bimbi dai 3 ai 6 anni l’ideale è un po’ di frutta tagliata a pezzetti da tenere nella borsa frigo, in modo che sia sempre fresca e appetitosa.
Dai 6 ai 12 anni il mio personale consiglio è una fetta di pane integrale con olio e pomodoro, oppure uno yogurt con frutta fresca di stagione.
Un’ottima alternativa è anche la frutta secca, in particolare i pistacchi e le mandorle che consentono di fare il pieno di vitamine, proteine, minerali e grassi di buona qualità.
Se il bambino ha voglia di qualcosa di fresco, si può optare per del cocco fresco, dissetante e ricco di energia.
Tuttavia può anche andar bene ogni tanto un gelato alla frutta.

Anche se c’è caldo, meglio non bere bevande e cibi troppo freddi, per scongiurare il rischio congestione.
Infatti per non avere danni alla nostra salute è buona norma mantenere la temperatura degli alimenti simile a quella corporea.
Sono da evitate senza ombra di dubbio le bevande zuccherate, come coca cola e aranciata, che provocano disturbi intestinali e disidratazione.
Evitare anche le patatine, le merendine confezionate (ricche di grassi saturi) e i succhi di frutta.
Infine, è fondamentale scegliere l’orario giusto in cui consumare la merenda.
Il momento migliore è 3 ore dopo la colazione e 2 ore prima del pranzo o della cena.
I pasti principali (pranzo e cena appunto) bisognerebbe sempre evitare di farli dopo le 21 poiché andrebbe ad alterare il metabolismo del bambino.

Dott. Giovanni Sambiase

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *